Cos'è una proposta di locazione?

Nelle prossime righe,vi spiegherò cosa significa "Proposta di locazione" e la procedura che bisogna seguire per poter locare un immobile.

Cos’è la Proposta?

La proposta di locazione immobiliare è un documento dove una parte (futuro conduttore/inquilino) si impegna a prendere un casa in locazione alle condizioni specificate nel documento stesso ed il proprietario (futuro locatore) si impegna a consegnarla.
Dunque la proposta si può definire come un “pre-contratto”  che si perfeziona solo e soltanto con l’accettazione di tutte le condizioni da parte di ambo i due contraenti   diventando a un contratto ad effetti obbligatori,

Quando si fa una proposta?

Dopo aver visitato l’immobile e fatto gli opportuni controlli, il futuro conduttore, al fine di “bloccare” la casa visitata, sottoscrive la proposta, rilasciando una caparra in genere con assegno intestato al locatore (non trasferibile) o in contanti.

Le caratteristiche della Proposta
Affinché si verifichi l’accettazione è necessario che le condizioni indicate nella proposta restino invariate o accettate nuovamente nel caso di contro-proposta.
Le caratteristiche della proposta sono:

  • l’impegno a condurre in locazione con stipula del contratto di locazione definitivo entro una data fissata;
  • la descrizione dell’immobile;
  • la dichiarazione che l’immobile è stato visto e piaciuto;
  • il canone mensile pattuito compreso gli oneri;
  • la tipologia, la durata e la decorrenza contrattuale…
  • cauzione;
  • rilascio di una caparra confirmatoria;
  • termine ed efficacia della proposta;
  • Altro…
 
La caparra confirmatoria
La proposta con l’accettazione diventa un vero e proprio contratto con la conseguenza che, riferendoci alla norme generali dei contratti, l’oggetto debba essere suscettibile di valutazione economica. L'art. 1385 del codice civile disciplina l'ambito relativo alla caparra confirmatoria

Al momento dell’accettazione, l’Agenzia Immobiliare (custode della caparra) si impegna a versare la caparra al proprietario che accetta. La caparra, al momento della costituzione del contratto, diventa parte della cauzione o della prima mensilità del canone .

Nel caso in cui la proposta non venisse accettata dal futuro locatore decade e l’Agenzia restituisce al futuro conduttore la caparra senza alcun interesse.

La revoca da parte del futuro conduttore della presente prima della scadenza comporterà la perdita dell’importo lasciato a titolo di caparra, così pure in caso di indisponibilità a sottoscrivere il contratto di locazione. In tali ipotesi non avrà diritto a richiedere la restituzione dell’importo versato.

Nel caso in cui il futuro Locatore accetti la proposta ma non dovesse adempiere agli obblighi derivanti dall’accettazione, il futuro Locatore dovrà corrispondere il doppio della caparra lasciata al futuro conduttore.
Comments